PIANO NAZIONALE DI VACCINAZIONE E GREEN PASS BASE, RADIATI E SOSPESI DAL SERVIZIO, CERTEZZA DI CURA E ASSISTENZA GRATUITA A TUTTI I DANNEGGIATI DA VACCINO E STOP ALLE ARMI, LA FISI INDICE LO STATO DI AGITAZIONE GENERALE

da | Apr 20, 2023 | Attualità, Comunicati Stampa, Dai Territori, In Evidenza, Senza categoria | 3 commenti

La FISI ha comunicato al Governo ed alle associazioni datoriali lo stato di agitazione generale nazionale. Alla base dello stato di agitazione è ancora una volta la gestione della Pandemia, l’obbligo vaccinale e l’abbandono di tutti quei cittadini a cui è stata imposta la vaccinazione ed hanno esitato danni che non vengono riconosciuti dallo Stato e che sono abbandonati a sé stessi senza alcuna certezza di cure gratuite. La FISI ha chiesto l’istituzione di ambulatori territoriali specifici per la cura dei danni da vaccino da erogarsi in forma gratuita sia per le visite che per gli esami diagnostici e prognostici. “È immorale” dichiara il segretario generale della FISI Rolando Scotillo “che lo Stato prima obblighi i cittadini ad un trattamento sanitario e che poi abbandoni chi ha subito danni da questa imposizione.” Ancora una volta lo Stato, poi, si sta dotando di un ennesimo strumento – quale il P.N.P.V. – con cui si vuole obbligare due settori – quali la scuola e la sanità – a vaccinazioni obbligatorie: è una storia già vista e con chiara strategia militare, prima si obbliga uno o più settori (non tutti), poi si estende – piano piano – a tutta la popolazione. Non è da sottacere, anche, la strategia militare messa in campo dal Governo precedente – e tuttora sussistente – di bloccare sui social e sui mass- media che ha idee diverse sulla efficacia e sulla sicurezza della pratica vaccinale e dei protocolli di cura limitando, ed in qualche caso, impedendo il libero confronto e la libertà di cure dei professionisti sanitari. In questo contesto chi ha mostrato leciti dubbi e perplessità – acclarati dai fatti – è stato radiato dagli ordini professionali o sospeso: è ora di far rientrare queste radiazioni e sospensioni riportando la situazione alla normalità, reintegrando i radiati ed i sospesi e ripristinando il diritto ad avere pensieri diversi. Non da ultimo, la FISI chiede il blocco dell’invio di ogni tipologia di armi alle parti – in quanto per loro natura non “difensive”, ma “offensive” – ed il ripristino di tutte le relazioni diplomatiche con l’Ucraina e la Russia rafforzando tutti i tentativi in essere per addivenire ad una ipotesi di pace tra le parti. “Gravissima è la circostanza” dichiara il Segretario Generale della FISI , Rolando Scotillo, “che sul fronte ci siano soldati di altre forze anche europee ciò , insieme all’invio delle armi, sicuramente porterà ad un aggravamento del conflitto ed a uno scontro tra l’est e l’ovest del mondo con gravi ripercussioni sulla pace generando danni economici inenarrabili.”

FISI_2023_stato agitazione generale 

Condividi

3 Commenti

  1. Angela Occhi

    Sono d accordo su tutti i punti!! Il potere continuerà a fare ciò che ha sempre fatto( controllare le masse) ma ol mio pensiero è all opposto e vivrò per quello che per me è giusto!

    Rispondi
  2. Mirco

    Niente armi, la costituzione, dice, No alla guerra.

    Rispondi
  3. Cristina Corradini

    Sono d’accordo su tutto.
    AVANTI!!!

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Recenti

Categorie

Eventi

LA MORTE NEGATA. Eccezionale proiezione il 17 aprile a Napoli

LA MORTE NEGATA. Eccezionale proiezione il 17 aprile a Napoli

L’appuntamento è per il 17 aprile alle ore 17.00 presso il teatro Acacia, via R.Tarantino,10 (NA) FISI presenta: LA MORTE NEGATA docufilm di  Alessandro Amori Interverranno al dibattito:  Joseph Tritto  Davide Tutino  Carlo Iannello  Geminello Preterossi  Tiziana...

SCUOLA 4.0: OPPORTUNITA’ O RISCHI?

SCUOLA 4.0: OPPORTUNITA’ O RISCHI?

I rischi della digitalizzazione della scuola sono stati affrontati ieri, a Salerno, in occasione dell’Assemblea pubblica organizzata dal sindacato FISI. I relatori hanno illustrato, ad un pubblico interessato e partecipe di genitori e docenti, il processo che sta...

Leggi anche